Archive

Posts Tagged ‘Hollywood’

Jessica Chastain, sindrome della staccionata bianca

March 9, 2018 Leave a comment

Jessica Chastain

Pensate a un sistema che abbia come scopo quello di catalogare le ustioni causate dal fascino femminile: ecco, la protagonista di ‘Molly’s Game’ è fuori scala.

Le ustioni possono essere di varia entità secondo l’intensità della temperatura, la durata del contatto e lo stato fisico della sostanza ustionante: solida, liquida, gassosa, Jessica Chastain.

Posto, infatti, un sistema di riferimento che abbia come scopo quello di catalogare le ustioni causate da una sovraesposizione al fascino femminile, quello esercitato dalle donne dai capelli rossi merita una menzione particolare. Esistono diverse unità di misura che regolano l’intensità di questo tipo di scottature, e in relazione alla gravità vengono distinte in tre gruppi:

ustioni Amy Adams, provocano dolore bruciante ma sopportabile, talora si resta avviluppati in una spirale di suggestioni: grossi orecchini dorati, pellicce, piccoli seni nervosi acquattati sotto camicie dis eta, tailleur neri, pellicce. Guariscono spontaneamente e rapidamente senza lasciare cicatrici;

ustioni Julianne Moore, interessano lo strato superficiale della retina con un parziale coinvolgimento del cuore, stordimento da efelidi, guarigione lenta;

ustioni Christina Hendricks, distruzione delle terminazioni nervose, incontenibile impulso alla fornicazione in ambiente lavorativo. Gemiti tra gli schedari, scrivani e come alcove, moquette, carte da parati, palpiti fatti a bistecche, spinte pelviche, vigore, manette. La guarigione richiede tempi lunghi e lascia cicatrici permanenti.

Come si colloca Jessica Chastain, esile filo di rame di Sacramento (California), in questo campionario di ustioni? Per cogliere a pieno la peculiarità della sua bellezza dobbiamo parlare della sindrome della staccionata bianca, una sindrome rarissima che affligge alcune donne dai capelli rossi e che fa riferimento al fascino irrequieto che celano dietro all’aspetto docile, vago, remissivo. La sindrome prende il nome dalla torbida sequenza iniziale del capolavoro di David Linch, Blue Velvet: la placida e rassicurante vita di quartiere della provincia americana, con le aiuole curate, le rose rosse che si stagliano sulla staccionata bianca, il cielo terso, l’orecchio mozzato nell’erba appena tagliata. È la follia sotto al coperchio, il preludio alla carneficina, la brezza prima dell’uragano.

Se Jessica Chastain è oggi una delle attrici più richieste di Hollywood, se Vogue España la definisce La mujer que el cine necesita, è perché tutte le storie hanno bisogno della staccionata bianca, ovvero di qualcuno dall’aspetto innocuo e rassicurante che possa, come fa un corriere della droga con gli ovuli di cocaina in pancia, portare oltre confine grossi quantitativi di erotismo, passione, sensualità sfrenata. Finita l’era delle maggiorate e delle protesi, la seduzione serpeggia nei dettagli, necessita di doppia lettura, adotta gli stilemi delle serie tv e viene somministrata a piccole dosi, in gustosissime monoporzioni. Le scapole di Keira Knightley, il neo di Eva Mendez, il prolabio di Rosario Dawson. “La carica del caffè, l’energia del cioccolato!”

Jessica è portatrice sana di tanti raffinatissimi dettagli che la rendono candida, letale e tagliente come un foglio di carta. Il verde ottanio degli occhi che si staglia su una pelle del colore della neve e di tutte le tonalità dell’alba, zigomi come dune desertiche, bocca grande per dare asilo politico a denti dritti e bianchissimi, labbra in perenne fioritura, naso dritto dalla deliziosa e improvvisa punta. E poi i capelli, un agrumeto da pettinare.

Nel duemiladieci Al Pacino porta sullo schermo Wilde Salomé, una storia di lussuria, avidità, vendetta, follia, perversione, desiderio. Nel ruolo di Salomé, Jessica è sensazionale. La scena della danza della Principessa (e qui arriviamo al punto, all’ustione grave) è la radiografia di un tumulto, una sommossa ormonale, l’anticamera di uno strano formicolio al braccio. Immersa in una luce purpurea, Jessica danza, si dimena, si contorce fino a perdere il drappo rosso che l’avvolge e resta a petto nudo davanti alle pupille sgranate di Erode. Costole in evidenza, seni pieni e scorbutici, capezzoli issati come bandiere della rivoluzione. Sbigottimento, secchezza delle fauci. Chi l’avrebbe mai detto? La ragazza è diventata donna, all’improvviso, davanti ai nostri occhi.

Jessica Chastain è la cristallizzazione di una pubescenza senza fine, sempre sul punto di sbocciare, sempre sul punto di svanire.

Non è un caso che registi particolarmente affezionati al tempo (Terrence Malick e Christopher Nolan) abbiano scelto Lei per dilatarlo, comprimerlo, evocarne lo spirito. La mamma di Tree of Life è la mamma come resta per sempre nella nostra memoria: giovane, medicamentosa, emolliente, eterea. Murph di Interstellar, prima bambina, poi adulta, occhi grandi e languore quadrimensionale.

Verranno altri film, altri ruoli, Jessica mozzerà altri fiati, e continuerà ad ardere, senza bruciarsi mai, perché è questo il destino di una fiamma. La staccionata che divide Paradiso e Inferno è sempre bianca.

Dio ha appeso un cartello. Il cartello dice: Non toccare, la vertigine è ancora fresca.

Fonte: Rolling Stone

Advertisements

Hollywood, celebrities in plastic surgery in attesa della consegna degli Oscar

February 26, 2014 Leave a comment

680x478

OSCAR: DIVI DI HOLLYWOOD SOTTO I BISTURI PRIMA DI RITIRARE LA STATUETTA
In attesa della cerimonia di consegna degli Oscar, fissata per il 2 marzo a Los Angeles, gli attori si rifanno il look, e non solo, molti si recano dal chirurgo plastico, per avere un aspetto ringiovanito e fresco per l’occasione. Il ruolo del chirurgo estetico, soprattutto ad Hollywood, infatti è cambiato, non si occupa più solo di medicina, ma anche di consulenza di immagine, lo conferma il Dott. Renato Calabria, il cosiddetto chirurgo delle dive, che opera tra Milano, Roma e Hollywood.
Ad Hollywood i casting directors sono sempre più restii a scegliere attori visibilmente rifatti e tendono a privilegiare visi e corpi dall’aspetto naturale; di conseguenza anche le celebrities si stanno adeguando a questa tendenza e, prima di recarsi ad un casting, chiedono un parere al chirurgo plastico.
Oggi come oggi tra le dive di Hollywood va di moda un look naturale: “la bravura di un chirurgo deve essere “unnoticed” – spiega il Dott. Calabria – “inosservata, non deve esserci differenza tra il prima e il dopo. Anche per questo è necessario sottoporsi ad un intervento chirurgico verso i 45-50 anni, quando i tessuti sono ancora elastici e più reattivi e si ottengono risultati più naturali e duraturi”. E proprio il Dottor Calabria è noto per essere il miglior chirurgo plastico “da non raccomandare”: i suoi lifting sono talmente naturali da essere insospettabili.
Il nuovo trend nel jet-set americano è quindi quello di interventi meno invasivi ma precoci, da fare prima che il look cambi drasticamente: il 95% degli attori dopo i 40 anni si è sottoposto almeno ad un intervento, anche se per l’80% non è riconoscibile. “Quando il lifting è fatto bene non si vede, l’effetto è solo quello di un viso più riposato e fresco.” – aggiunge il chirurgo delle dive.
Dunque il ruolo del chirurgo plastico è cambiato, diventando un vero e proprio consulente d’immagine: “le stesse celebrities vengono per chiedere consiglio, o per sottoporsi a veri e propri interventi, prima di recarsi ad un casting, oppure, in seguito ad una “bocciatura”, per prepararsi alle prossime audizioni: sono gli stessi casting director a volte che consigliano ad attori/attrici di sottoporsi a specifici trattamenti, per migliorare il proprio aspetto. I commenti più frequenti riguardano look visibilmente “ rifatti”: labbra troppo grosse, zigomi troppo pieni, lifting fatto male, seno troppo grande. Inoltre ad ogni età, l’approccio di ringiovanimento o mantenimento dell’immagine è completamente differente: un attore come Dustin Hoffman, che negli ultimi tempi interpreta ruoli maturi, mai più vorrà fare un lifting ringiovanente al viso, ma preferirà un approccio di mantenimento, al contrario un’attrice che ha sempre avuto parti più sbarazzine, sentirà l’esigenza di mantenere un look giovane e fresco.” – conclude Renato Calabria.
Di seguito esempi di attori e attrici che si sono sottoposte ad interventi chirurgici, per motivi di “copione”, per sentirsi cioè più desiderabili e aumentare la fiducia in se stessi e per apparire raggianti alla cerimonia più importante della propria carriera: in prima posizione attrici come Sandra Bullock (candidata come miglior attrice per il film “Gravity”), si sarebbe sottoposta a sessioni di liposuzione, per evitare diete ferree e a qualche punturina di riempitivi per avere fronte priva di rughe e labbra carnose, e Julia Roberts (candidata come miglior attrice non protagonista per “I segreti di Osage County”), che in passato si è sottoposta a mastoplastica additiva.
La musa di Woody Allen, Scarlet Johannsson (Vincitrice come “miglior attrice” per la sua interpretazione in “Her” al Festival internazionale del film di Roma) si è fatta invece ridurre il seno, passando da un look burroso esplosivo ad uno stile più sobrio, più adatto a ruoli drammatici, che ultimamente hanno contraddistinto la sua carriera. E per finire si dice che l’attrice Meryl Streep (candidata come miglior attrice per il film ”I segreti di Osage County) si sia sottoposta solo ad un intervento incisivo per eliminare le borse sotto gli occhi, nessun lifting estremo, per mantenere i propri lineamenti e non perdere quel viso maturo che la contraddistingue.

Categories: Gossip, Star Style Tags:

Helen Mirren, stella Walk of Fame a Hollywood

January 5, 2013 Leave a comment

Helen Mirren, stella Walk of Fame a Hollywood

La famosa attrice britannica sessantasettenne Helen Mirren è stata insignita della 2488° stella della Walk of Fame di Hollywood sulla celeberrima Hollywood Boulevard, accanto a quella dell’attore connazionale Colin Firth. Un meritevole riconoscimento onorario alla carriera brillante della grande artista. E’ curioso considerare che il famoso attore Colin Firth è stato insignito dello stesso titolo onorario nel 2011 dopo aver vinto l’Oscar come migliore attore per il film “Il discorso del re”, nel quale interpretata il ruolo del padre di Elisabetta, re Giorgio VI.
Helen Mirren dichiara: “Non potrei essere più orgogliosa e più felice. Stendermi accanto a Colin è qualcosa che desideravo fare da molto tempo. Beh, io sono molto contenta e orgogliosa e penso che sia molto bello per la monarchia britannica che qui su Hollywood Boulevard, il re e la regina siano uno accanto all’altro”.
La cerimonia di consegna della stella è stata presentata dallo scrittore regista David Mamet, il quale ha menzionato le grandi interpretazioni della diva. Da ricordare l’interpretazione della regina Elisabetta II nel film del 2006 “The Queen”, per il quale si è aggiudicata l’Oscar come migliore attrice protagonista. Da menzionare il suo ultimo ruolo di moglie nel film di Alfred Hitchcock, nel quale si racconta il rapporto tra il celebre regista, maestro del brivido, e la sua consorte nei loro cinquantatré anni di matrimonio pressoché senza sesso. La diva ribatte sostenendo che a vincere in un rapporto matrimoniale duraturo non è il sesso, bensì il segreto della durevolezza è nel riuscire a stabilire una vera partnership coniugale.

Marius Creati

Hollywood, divorzio della coppia epocale Danny DeVito e Rhea Perlman

October 12, 2012 Leave a comment

Divorzio epocale a Los Angeles della storica coppia Danny DeVito e Rhea Perlman, i quali hanno deciso di divorziare dopo 30 anni di matrimonio, eclissando così una delle unioni più longeve della storia di Hollywood.

Tom Cruise, re di tutte le spie di Hollywood

October 11, 2012 Leave a comment

Il baldanzoso attore Tom Cruise, alias Ethan Hunt in “Mission Impossible”, è stato nominato re di tutte le spie hollywoodiane  secondo una graduatoria riportata sul mensile di Ciak battendo i suoi antagonisti  Matt Damon, Eric Bana, Jean Dujardin e Donald Sutherland che lo seguono nella speciale spy list per eccellenza…

Categories: Gossip Tags: ,

Hollywood, fidanzamento ufficiale prematrimoniale per Angelina Jolie e Brad Pitt

April 14, 2012 Leave a comment

Angelina Jolie e Brad Pitt, la coppia glamour più in voga e fotografata di Hollywood, hanno finalmente ufficializzato il loro fidanzamento dopo mesi di rumors a riguardo, ma per quel che concerne il matrimonio non è stata ancora fissata una data precisa per le possibili nozze.
Il portavoce di Brad Pitt ha dichiarato mediante un comunicato stampa rilasciato alla rivista People: “Sì, è confermato. C’è una promessa per il futuro e i bambini sono molto felici. Nessuna data é stato fissata per il momento. Brad aveva un’idea molto precisa per questo anello, su cui ha lavorato per un anno. Voleva che fosse perfetto sotto tutti i punti di vista, e ha trovato un diamante della miglior qualità e l’ha tagliato in modo che la sua forma e la sua dimensione fossero adattate alla mano di Angelina. Brad è stato estremamente coinvolto, monitorando ogni tappa del processo creativo”. La certezza del fidanzamento é giunta proprio ieri mattina grazie alle rivelazioni del gioielliere americano Robert Procop, il quale aveva annunciato di aver realizzato l’anello speciale per Angelina Jolie dopo circa un anno di lavoro concertato con Brad Pitt.

Sylvester Stallone, immortalato a Hollywood con la sua Bentley Continental GTC

January 26, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Non è la prima volta che ci soffermiamo a parlare della passione per le auto del celebre Sylvester Stallone, ma è vero anche che vedere bolidi automobilistici di un certo calibro non stanca mai.
Tra le ultime foto scattate al divo hollywoodiano, si può notare la sua elegantissima Bentley Continental GTC di colore nero; Stallone è stato immortalato nei pressi di un ristorante di Hollywood, dove si è fermato a pranzo.
Per l’opera automobilistica, possiamo dire che questo modello unisce il fascino delle sue doti tecniche ad uno stile lussuoso, caratterizzato da linee eleganti che vanno a calcare la grande qualità della lavorazione artigianale.
Il telaio e la scocca sono in acciaio, incredibilmente rigidi; per ciò che concerne la propulsione, invece, la Bentley Continental GTC è spinta da un potentissimo W12 da 6 litri in grado di erogare la potenza massima di 560 cavalli.

Fonte: GoLook.it