Archive

Author Archive

Hillary Clinton, commozione cerebrale postumo svenimento in casa

December 16, 2012 Leave a comment

Hillary Clinton Visits New Zealand - Day One

Il Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America, Hillary Clinton, è stata colta da un malore improvviso provocato da un virus intestinale, causandole uno svenimento in casa durante il quale, battendo la testa, le ha causato una commozione cerebrale. La notizia è stata inoltrata dal Dipartimento di Stato, il cui portavoce Philippe Reines conferma che il segretario è in fase di convalescenza, monitorata continuamente dai suoi medici. La Clinton spera di tornare a lavoro da casa entro la prossima settimana tenendosi costantemente in contatto con i vari funzionari e lo stesso Dipartimento. L’evento fortuito ha costretto a cancellare il viaggio programmato in Medio Oriente e Nordafrica.

Categories: Gossip Tags:

Angelica Bianco in dialogue with Marius Creati

September 29, 2012 Leave a comment

Angelica White, a new emerging figure in the entrepreneurial world of the luxury food, lover of made in Italy and yesteryear combinations, blends art, romance and emblematic tradition realising the alchemical perception of a classical view handed down from the past. Creator of exquisite perfection, becomes spokeswoman of lofty quality in cuisine with her exclusive extra virgin olive oil Xoro Xolio, overstepping the patterns of practice to give intense emotions, vacillating between the reality of a very high quality product and the illusion a dream realized in the paradigmatic combination of the food gold.Gold, as symbology and vivifying logical approach of the opulence, hoards the idea of ​​antonomastic being of the magnificence without neglecting the protection of health.
Angelica Bianco, a self-confident woman, resourceful and determined in the choices, immune to the plasticity of the tough life of the business, at the same time linked to the values ​​of affections and family, turned her passion into an business art of great effect sure she want to express the apotheosis of taste some impressive the apotheosis of taste as a solemn exaltation of beauty.

Exclusive interview by Marius Creati

M.C.: Who is Angelica Bianco? How do you compare with the world of food production?

A.B.: Angelica Bianco is a manager woman with a passion for art, tradition and cuisine. She loves Made in Italy and she fallen in love with Italy. The approach to the food world comes from the awareness to know who she is and where she comes from. The ancient family roots trace back to great landowners producers of wines and oils. These family roots, the creativity of an engineer father and the intelligence of mother Francesca make Angelica nowadays. The key role is performed by her husband, who has always believed in the project, supporting her with love.

M.C.: How does the idea of producing high-grade primary goods born?

A.B.: I wanted to restore dignity to a core product of our Mediterranean diet. Xoro Xolio extra virgin olive oil was born from excellent organoleptic qualities and it is produced by olives belonging to the quality Gentile of Chieti. This olive oil has low acidity (0.2) and high content of polyphenols.

M.C.: How does the achievement of a high-range product relate with the real quality of a good essential?

A.B.: The highest quality of olive oil is given by a number of factors and methods based on tradition and that include higher costs. This product is recognized in the world for its  organoleptic goodness, so I wanted to give it a sexy “dress” and jewelry.

M.C.: How do you see the use of food gold and food silver in cuisine? Are these ingredients to illuminate the tables of all over the world?

A.B.: Today food gold was rediscovered and history teaches us for what purposes it was wisely used. I love art, medicine, chemistry (because I studied pharmacy) and traditions. You will find all these things in my products. Surely it is an ingredient that will light up all the tables in the world because it gives fun and luxury. Thanks to its re-mineralizing  power it is used in aesthetics.

M.C.: Does highly exclusive luxury food product realisation imply a special creative verve?

A.B.: The extra virgin olive oil is the gold of the earth. I like risking in this period of  economic crisis. Xoro Xolio has a valuable and  small packaging (0.2 L) that is important to re-evaluate the concept of roots and to appreciate what the earth offers us.

M.C.: Symbology or deductive logic, which is the meaning of X? How did you get your logotype?

A.B.: Symbology and logic come together in this luxury food product. The bottle  reproduces  the sinuosity of a woman; X means extra virgin, is set in Swarovski crystals and is a genetic symbol of femininity.

M.C.: Can oil and gold live finally together? Can this unusual union result indissoluble?

A.B.: The gold-oil mixture has bewitched important customers worldwide and is a winning combination.

M.C.: Oil understood as gold of the table… what are the benefits of your oil on the body?

A.B.: There are many epidemiological studies that demonstrate the efficacy of the Mediterranean diet in the prevention of cardiovascular disease, cancer and aging brain. The balanced combination of various foods with high nutritional value in the context of the Mediterranean diet (fruits, vegetables, fish, wine and olive oil),  is the only nutritional choice for the protection of our health. Recent studies have demonstrated that extra virgin olive oil is the main source of fat in the Mediterranean diet. Olive oil is the ideal fat because it is composed of monounsaturated fatty acids (oleic acid) and polyphenols (hydroxytyrosol, tyrosol, oleuropein, lignans, tocopherols).
The components also depend on the cultivar, the climatic conditions, growing area, methods of extraction and conservation. These components characterize the healthy and organoleptic aspect of the extra virgin olive oil. That’s why I decided to create a product, Xoro Xolio, with excellent organoleptic qualities (low acidity and high content of polyphenols 0.2) and gold 23 kt.

M.C.: Is there a purely romantic side of Xoro Xolio? Is it possible to perceive a sentimental vein beyond of its culinary reality? Is it possible to make out a personal ideal touch?

A.B.: Xoro Xolio gives an emotion thanks to its precious bottle, the golden rain which reminds of Christmas Atmosphere and thanks to its candlestick which is the  symbol of courtship, love and peace.

M.C.: Is there something of poetic in you that shines through the alchemic poetry hidden in the bottle? Are you able to feel it?

A.B.: I am a dreamer and I defend weak people. I suffered in the past and learned to fight all the difficulties only through these feelings. Life is a poem and you have to live with philosophy.

M.C.: Is Xoro Xolio the result of a creation that perfectly combines fantasy and alchemy?

A.B.: Alchemy is a culture of ancient formation. The Hermetic alchemy, also called metallurgical, showed the way to change people’s energies, turning the base metal into gold. Reality and fantasy fuse together as history and modernity, East and West.

M.C.: Desire, philosophy, poetry and Swarovski… all this magic, does it make you feel vaguely alchemist of the moment? Or what else?

A.B.: I am a little alchemist, dreamer, romantic and above all must always go beyond what is given by the appearance.

M.C.: Kalòs kài agathòs… What is beautiful must it necessarily be good and vice versa? How does the classical concept has influenced the ethics and aesthetics of fulfilment? Is “Fine and good” an ideal that belongs to you par excellence?

A.B.: My classical culture taught me that the Greek hero had to be beautiful and good … Xoro Xolio faithfully embodies this concept reaching the apotheosis.

M.C.: Afterworld food or worldly pomp? How can the use of special food products in the past affect the use in the present?

A.B.: Xoro, Xolio is a luxury product and it can give emotions. For this reason I decided to embrace all targets creating the Basic line and the long-awaited Diamond’s. I can assure that each line is able to surprise our customers.

M.C.: Is it possible turn mentally back in time to restore ancient flavours trampled by mere habit?

A.B.: It is important  to go back just for tradition and love for the land…  but in Xoro Xolio there is tradition brought today.

M.C.: The olive tree, a gift of the gods to men, and the gold, an element that brings men near to the gods… do you have ever associated such a union with the sacred? Is Xoro Xolio a valuable food that can foresee a correspondence with the divine? Do you think anyone will ever make it votive food?

A.B.: Gold has always been considered a votive food and is still considered as such in India and in some parts of Saudi Arabia, but I would like to clarify that what approaches us to God is not a food but our faith.

M.C.: Would you rather that your precious oil is considered more delicious food or collectible object?

A.B.: Both, gourmet’s delight delicious oil that when finished leaves the souvenir of a numbered and unique collectible object. Annually the collection will be totally refreshed to create news and feelings always different and positive.

M.C.: How do you see the future of this new speciality?

A.B.: We can not predict the future. Mine is a challenge to the crisis and a search for happiness that reproposes love for the beautiful things and the taste for the Made in Italy.

M.C.: Is it possible that years later it will become an exclusive good of ample consumption?

A.B.: Everything  is possible but I will keep on working for collections.

M.C.: It will ever be possible, also, it becomes a good essential for global use?

A.B.: The extra virgin olive oil with high quality is already a product of primary importance at the global level and I hope that the standards will always be better so we can also preserve our health…t he most valuable asset.
 

Michele Miglionico a colloquio con Marius Creati

September 12, 2012 Leave a comment

Michele Miglionico é un giovane designer di alta moda che da alcuni anni sta solcando le passerelle di molti eventi importanti e serate di grande impatto visivo per il mondo dello stile italiano con uno sguardo intenso verso la couture internazionale. Legato sin dall’inizio alla tradizione vive l’ispirazione per il gusto e la bellezza per eccellenza, spinto da una grande passione per la moda e uno spirito di ricerca inconfondibile, senza tralasciare l’opportunità di voler reinventare i canoni di una creazione sempre più viva e contemporanea laddove eleganza, raffinatezza e lusso rappresentino l’identikit inviolabile della sua personalità creativa.

Intervista a cura di Marius Creati

M.C.: Come é nata la tua passione per la moda? La presenza di una familiarità nella sartoria può definirsi un veicolo motore o una semplice circostanza?

M.M.: Fin da ragazzino era viva in me l‘ossessione per le cose belle e per le donne ben vestite. Ho sempre avuto la necessità della ricerca della bellezza. Penso di aver sempre desiderato di fare questo lavoro e sicuramente l’amore per questo mestiere mi è stato  trasmesso da mio padre Mario, un eccellente sarto per uomo.

M.C.: Esistono caratteristiche basilari per potersi definire oggi ‘fashion designer’? L’immagine di uno stilista necessita di evidenti qualità peculiari?

M.M.: Oggi un giovane, per definirsi “fashion designer” dovrebbe racchiudere in se tutte le figure professionali della moda. Oltre ad avere talento (dote necessaria) deve conoscere le tecniche sartoriali, la modellistica ed infine essere anche un bravo business manager di se stesso.

M.C.: Come definiresti l’arte della moda? E come definiresti l’arte della couture?

M.M.: L’Alta Moda rimane ancora il grande laboratorio dove si sperimentano tutte le idee. Grazie alle mani esperte di premier e di sarte che nasce da un idea disegnata una collezione. E’ un rito magico. Ed è con  la sfilata  che tutta la fatica, la passione e soprattutto tutta l’emozione di questo mestiere meraviglioso  si percepisce tutto…

M.C.: Quale interesse particolare scaturisce nel rappresentare una nuova creazione di alta moda?

M.M.: Solleticare discretamente le esigenze delle clienti che acquistano l’Alta Moda.

M.C.: C’é sempre una grande musa ispiratrice che ispira la tua creatività?

M.M.: Credo che più che avere una musa ispiratrice oggi sia importante avere un immaginario lifestyle. Evidenziarlo crea il sogno!

M.C.: In che modo trai l’impulso primordiale per dare inizio ad un nuovo percorso creativo?

M.M.: Tutto ciò che faccio è mosso sempre dalla passione. Nasce da un impulso culturale, emozionale, che parte da tutto ciò che mi circonda. Spesso è casuale; può essere un film, una mostra, un libro, una foto… L’ ispirazione è cogliere l’attimo…

M.C.: Solcare le passerelle di molteplici manifestazioni rimarchevoli sprona ad essere più forti e vincenti? Ansia e tensione appartengono alle prime esperienze del passato oppure fanno capolino puntualmente ad ogni evento?

M.M.: E’ sempre stimolante partecipare ad eventi che sono al di fuori dei contenitori ufficiali della moda. Vengo a contatto con altre realtà che stimolano in me una sorta di antagonismo sano che crea sempre uno scambio di informazioni ed emozioni. La passerella  però rimane sempre per me una grande prova ed ogni volta è come fosse la prima volta… mi emoziono ancora tanto. 

M.C.: Essere uno stilista di moda ti fa sentire più artista o designer? Può coesistere una correlazione speciale  tra le due professioni?

M.M.: Io mi sento più un designer. La parola artista nella moda la associo sempre a Maestri che hanno fatto grande il fashion system. 

M.C.: Esiste un modello ideale che persegui costantemente? In che modo la tua visione stilistica si confronta con il passato? E come definisci l’identità del tuo stile?

M.M.: Ho sempre ricercato sin dall’inizio della mia carriera il mio senso di eleganza. Una ricerca di un linguaggio sofisticato e mai ostentato. Una sorta di coincidenza di etica e di estetica. Sono sempre stato percepito come un designer classico: cerco sempre di “reinventare” con le collezioni che creo cercando di rimanere  fedele e coerente ai miei canoni estetici. Infatti si può essere innovativi guardando in modo personale alla tradizione. Il mio rapporto tra passato e futuro, tra tradizione ed innovazione è molto sottile.

M.C.: Come distingui l’antagonismo che si cela tra i vari nomi del mondo della moda? Secondo te, questa forma di contrasto é davvero contestualizzata nel settore?

M.M.: L’antagonismo è come il pepe sulla coda del sistema moda. Senza di esso non ci sarebbe stimolo. Il fashion system è purtroppo un mondo di troppe critiche e di altrettante lusinghe.

M.C.: Come percepisci la virtù della bellezza in simbiosi con lo stile ricercato della couture?

M.M.: L’Alta Moda deve riuscire a raccontare un emozione. Ha il compito di evidenziare la bellezza delle donne con la sua lussuosa  e raffinata semplicità.

M.C.: E’ indispensabile che una donna si senta libera di indossare il suo desiderio anche se non perfettamente consono al suo aspetto? L’esteriorità é una prerogativa del benessere interiore o frutto di un esibizionismo congenito?

M.M.: La donna contemporanea non vive più l’ossessione del total look per dimostrare a se stessa ed agli altri di appartenere ad un ceto sociale. Ora è profondamente libera di scegliere tutto ciò che le permetta di evidenziare il suo io interiore e penso che questo generi in essa un senso di benessere. L’esibizionismo appartiene solo alle fashion victims… 

M.C.: Esiste una via d’accesso preferenziale per l’eleganza? Quanto può risultarne importante il culto?

M.M.: L’eleganza  è una cosa intima, personale.  Una dote rara che  nasce con te.

Chiara Ferragni, fashion blogger famosa o prodotto mediatico…

April 16, 2012 1 comment

Chi é secondo voi Chiara Ferragni? Pensate che una qualunque fashion blogger che si rispetti possa aver fomentato tutta questa assurda celebrità virtuale? Non credo che esistano tante ragazze impazzite che, avendo possibilità di mostrare un corpo in antagonismo con i tempi, una mente brillante e sbarazzina e una costanza nel voler dare adito alle continue frequentazioni, possano indirizzare se stesse verso bagliori di notorietà così eclatanti… Non credo inoltre che l’80% delle fashion bloggerds possano permettersi uno stile di vita al di sopra delle righe… Chiara Ferragni é chiaramente un prodotto celebrativo tutto italiano creato a tavolino per dare spazio a nuove forme di visibilità e quella della rete attualmente é un canale estremamente importante per farsi conoscere. Esempi: Paris Hilton, Tamara Ecclestone, la stessa Elisabetta Canalis… e potrei andara avanti a lungo…

Chiara Ferragni é una grande invenzione mediatica e tutta questa banale divulgazione bloggettara é soltanto un modo sistematico per alimentarne la celebrità… quindi più se ne parla e più elevati saranni i cachets di ingaggio per la sua immagine… Lei indubbiamente fa buon viso e cattivo gioco… chi di voi non ne approfitterebbe? Quindi amatela per l’effetto boomerang che si é creata intorno al suo volto e al suo nome… oppure odiatela per il denaro che lei guadagna e voi no! Tutto qui!

Marius Creati

Categories: Gossip, Star Style Tags:

Daphne Guinnness

Daphne Guinnness

Johnny Depp, icona fashion dell’anno per lo stile

Johnny Depp é considerato l’uomo con più stile, secondo il Council of fashion designer of America che, concilio che annualmente redige la classifica dei migliori stilisti e dell’icona fashion più altisonante per quel che concerne lo stile. La premiazione si terrà nel mese di giugno presso il Lincoln Center di New York, presso cui il famoso attore riceverà il premio per l’eccentricità di combinare i “cappelli stravaganti” e  i soui “orologi a catena”. Nel suo look sono sempre presenti gioielli e accessori di vario genere, come cappelli e panciotti, in modo da creare un’immagine nel vestire originale e non convenzionale. I dettagli della cerimonia di premiazione sono stati già annunciati dal presidente del Council of fashion designer of America, Diane von Furstenberg, e dall’amministratore delegato, Steven Kolb. Nella categoria di stilista femminile dell’anno sono stati nominati Ashley e Mary-Kate Olsen, Jack McCollough, Lazaro Hernandez e Marc Jacobs; nella categoria maschile si contendono il titolo Billy Reid, Patrick Ervell e Simon Spurr; nella categoria migliori accessori spiccano Alexander Wang, Reed Krakoff e McCollough ed Hernandez.

Marius Creati

Categories: Gossip Tags:

George Clooney, arresto per manifestazione umanitaria in favore del Sudan

George Clooney  arrestato a Washington di fronte all’ambasciata del Sudan mentre era in corso un sit-in di protesta contro i “crimini di guerra” commessi nel paese africano. L’attore, sorridente, è stato ammanettato insieme ad altri due manifestanti dagli agenti dagli agenti, ma la protesta ha suscitato l’interesse meritato portando alla luce il blocco degli aiuti umanitari verso la nazione sopraffatta dall’azione del presidente africano Omar al-Bashir accusato di impedire l’approvvigionamento dei beni alimentari e medicali in alcune zone del paese. Clooney e altri attivisti avevano organizzato un atto di disobbedienza civile mediante l’occupazione del suolo di proprietà dell’ambasciata. La celebre attore é stato rilasciato alcune ore più tardi dall’arresto.

Marius Creati

Categories: Gossip Tags: ,

Madonna, affermazioni ridicole sul fisico di Adele… Karl Lagerfeld, osservazioni decontestualizzate

Lo scorso 7 febbraio alcune dichiarazioni di Karl Lagerfeld sottolineavano alcuni aspetti del fisico di Adele, ma Madonna tali insinuazioni non sono piaciute. “Adele grassa? E’ la cosa più ridicola che io abbia mai sentito – ha la regina del pop dichiarato al Sun pochi giorni prima dell’uscita del suo nuovo album MDNA – Sono state parole orribili. Lei ha un grande talento e il suo peso non c’entra niente con questo. Sono state veramente parole orribili”.
Karl Lagerfeld definì la cantante “un pò troppo grassa, nonostante abbia una voce divina”, sollecitando un polverone mediatico tra polemiche e pettegolezzi vari tanto che lo stilista tedesco si affrettò a porgere le sue scuse: “Le mie osservazioni sono state decontestualizzate, Adele è tra le mie cantanti preferite”. Un’ammenda non convincente per Madonna. “Non sopporto le gente che parla male a sproposito. L’importante nella vita è circondarti di persone che ti vogliano bene e si prendano cura di te, a prescindere dal fatto che tu sia una star”.
Adele si sta ristabilendo dopo l’intervento sostenuto alle corde vocali subito alla fine dello scorso anno. Madonna, dal canto suo, è in totale fermento per l’uscita del suo nuovo album “MDNA”, a quattro anni di distanza da “Hard Candy”, e per l’imminente inizio della nuova tournée della Material Girl che inizierà da Tel Aviv il 29 maggio e si concluderà ad Atlanta il 17 novembre: in Italia è attesa a Milano e a Firenze, rispettivamente il 14 e 16 giugno.

Marius Creati

Categories: Gossip Tags: , ,

Antonio D’Amico, piccole rivelazioni a Verissimo

“Al funerale di Gianni ho vissuto un momento simile a quello di Marco Alemanno al funerale di Lucio Dalla”. Con queste parole Antonio D’Amico, compagno per 15 anni del famoso stilista scomparso Gianni Versace, ospite alla trasmissione di Verissimo, racconta: “Lui, perlomeno, ha potuto dire due parole durante il rito in ricordo del suo compagno. Io no, ero in Duomo a Milano, in un angolo. Mi sarebbe piaciuto recitare qualche parola per Gianni” e aggiunge “Ho vissuto una vita molto felice con lui. Quindici anni in simbiosi, lavoravamo e vivevamo insieme. E’ stato terribile perdere il proprio compagno e, nello stesso tempo, non vedere riconosciuto il proprio ruolo dalla Chiesa e venire disconosciuto dalla sua famiglia, con la quale non ho più rapporti”.
Silvia Toffanin, domanda subito dopo se abbia avuto idea di chi possa aver ucciso Gianni Versace a Miami, mentre lui risponde: “Magari è solo una sensazione, ma io so, dentro di me, che qualcuno lo ha fatto uccidere, forse qualcuno che lui conosceva molto bene”.

Marius Creati

Michelle Hunziker, uomo giusto per un altro figlio Tomaso Trussardi

“Ho trovato uno che si impegna. Uno che si impegna di brutto. E potrebbe essere “quello giusto” per fare un altro figlio”. Michelle Hunziker si rivela per la prima volta a proposito del suo nuovo fidanzato, Tomaso Trussardi, in un’intervista a Vanity Fair che, per l’occasione, le dedica la copertina. Soltanto sei mesi fa proprio dal sito web di Vanity fu svelata la notizia della nuova coppia. ‘Tomaso Trussardi’ e’ un figo da paura”. Lei é innamorata, sostiene “Io vado al massimo subito. Non ho mai capito quelli che tengono in casa una bella candela e non l’accendono per paura di consumarla. L’amore lo devi bruciare, solo cosi’ capisci se e’ vero. Inutile perdere tempo. Si’, sono innamorata, e sto vivendo una storia bella, intensa”. Vittorio Feltri, un amico comune, é stato artefice della loro unione. Ma non era contraria alle relazioni con uomini piu’ giovani? “Certo che lo ero. Dica pure che ero prigioniera del cliche’ ‘donna giovane-uomo maturo’, ma proprio non mi convincevano le storie dove piu’ piccolo, e magari molto piu’ piccolo, e’ lui. Capisco Madonna, che non fa mistero della sua passione per i ragazzi giovani e aitanti: lei, sentimentalmente parlando, non ci investe nulla, se la gode e punto. Ma guardi che cosa succede quando invece c’e’ di mezzo l’amore, e magari gli anni di distanza sono anche tanti, come tra Demi Moore e Ashton Kutcher: una rovina”. Fra Michelle e Tomaso soltanto sette mesi… “A me, all’inizio, sembravano gia’ troppi. Devo pero’ dire che Tomaso mi ha colpito per la sua maturita’. Non ha ancora trent’anni ma e’ un uomo adulto, la sua e’ una famiglia unita che gli ha dato un’educazione molto solida, e alcune sofferenze che ha vissuto hanno rafforzato il suo carattere. Infatti e’ gia’ pronto a svolgere un ruolo molto importante nel gruppo come amministratore delegato di Trussardi. Insomma, non riesco a pensare a lui come a un ragazzo. E tanto meno come a un trofeo”. Probabilmente l’età più giovane comporta alcuni vantaggi… “Si’: sei di fronte a un uomo meno inquinato, meno deluso. Che verso l’amore ha solo entusiasmo”.
Le donne cercano questo entusiasmo? “Certo. Abbiamo tutte bisogno di credere ancora che esistano uomini capaci di un po’ di calore, di romanticismo. Vogliamo un mazzo di fiori, un bigliettino dolce, un gesto di cortesia galante, vogliamo sentirci protagoniste di una favola d’amore. Anche la forma puo’ essere sexy. Ma, soprattutto, basta con gli uomini che non vogliono esporsi nei sentimenti”. Michelle pensa ad un secondo figlio dopo Aurora? “E’ vero che mi piacerebbe, ma in questo momento preferisco aspettare un po’ perche’ Aurora e’ diventata grande, e con Eros stiamo finendo di crescerla. Ho riconquistato un bel margine di liberta’, il lavoro va bene, ho comprato una nuova casa. Ho voglia di staccare, di girare il mondo con Tomaso. Un bambino e’ amore, ma anche nuova responsabilita’. Vorrei godermelo ancora un po’, questo momento d’oro”.

Marius Creati