Archive

Archive for July, 2012

Blake Lively, nuova protagonista della campagna per il lancio dell’essenza Premiere di Gucci

Da qualcuno è considerata una delle nuove icone del cinema hollywoodiano. Bella e sensuale, Blake Lively è la nuova protagonista della campagna per il lancio dell’essenza Premiere di Gucci. Non è ancora dato sapere se il filmato o addirittura un corto, saranno presentati in anteprima a Venezia durante la Mostra del Cinema di fine agosto. Di fatto, lo spot è  già visibile su Youtube. Il filmato, diretto da Nicolas Winding Refn, è ambientato presso la Sheats Goldstein Residence a Hollywood, dove tra l’altro sono stati realizzati gli scatti per la campagna stampa. Nello spot Lively compare all’interno del residence vestita con un abito sinuoso tutto dorato e poi, con uno stacco, viene ripresa nel deserto come se si trovasse su un set, ma questa volta vestita di nero. Dal Goldestein Residence, al giallo del deserto, al biondo dei capelli dell’attrice, l’oro sembra essere il leit motiv del filmato.

Fonte: VM-Mag

Keyra Knightley, cover di Harper’s Baazar UK di settembre 2012

C’e’ da chiedersi per quanto tempo durerà ancora questa moda del neo-gotico che da qualche stagione ha invaso, forse più i servizi fotografici a tema che le passerelle. Teschi, total black, veli neri misti a pelle, borchie, pezzi di pelliccia e metallo continuano a farla da padroni, complici anche alcune modelle, cantanti o socialite che hanno fatto del dark e del gotico uno stile di vita – Lady Gaga in testa, ma anche Daphne Guinnes o Kate Moss -. Sul numero di settembre di Harper’s Baazar UK l’attrice britannica Keyra Knightley è l’ultima a entrare nel mood crepuscolare e complice un outfit targato Chanel di cui è anche ambasciatrice, veste come una vera neogotica. Nel servizio – le cui foto sono firmate da Ellen Von Unwerth – parla anche del film Anna Karenina in uscita a settembre, che ha per protagonisti Jude Law e Aaron Johnson.

Fonte: VM-Mag

Sun, presunte preferenze di Karl Lagerfeld su Kate Middleton a discapito della sorella

Il direttore artistico della maison Chanel è una vera e proprio manna dal cielo per i giornali e i siti di moda. In un periodo in cui non succede – quasi – nulla, lui ha sempre delle dichiarazioni gustose e divertenti che consentono di riempire i giornali e allietare le giornate di chi è sotto l’ombrellone. Karl Lagerfeld, oltre ad aver parlato, di recente della sua gattina, il Sun ha riportato delle sue dichiarazioni – senza, però, circoscriverle bene, per cui da prendere con i guanti bianchi – in cui afferma tutta la sua passione per una delle due sorelle Middleton, ma al contempo spiega anche di non amare per nulla l’altra. A quale delle due si riferisce il suo amore e a quale, invece, il suo disappunto? L’arcano è stato svelato immediatamente: alla Duchessa di Cambridge andrebbero le sue preferenze. Secondo il Sun, Lagerfeld avrebbe detto che “ama la sua bellezza romantica”, mentre dell’altra ha detto di non gradire la sua faccia e che dovrebbe mostrare solo il “lato B”. Da colui che paragonò anni fa Kate Moss a un quadro di Picasso e che solo pochi mesi fa disse della cantante inglese Adele che è grassa, c’è da aspettarsi che le dichiarazioni le abbia fatte eccome. Ma la maison Chanel dichiara, invece, “no comment”.

Fonte: VM-Mag

Categories: Gossip Tags: ,

Choupette, gattina più famosa al mondo di Karl Lagerfeld

Non sarebbe la prima volta che un animale da compagnia diventa più famoso – o altrettanto noto – quanto il proprietario. Alla Casa Bianca, ai tempi della presidenza Clinton – Bill, ovviamente -, il gatto Socks era diventato il divo della magione. La sua fama fu oscurata, ahimé, solo dall’affaire Monica Levinski. Ma se non c’è il sesso di mezzo, si sa, il mondo luccicante della moda alletta di più  rispetto a quello noioso della politica, per cui può accadere che una gattina superi in fama il proprio padrone “divo”. Secondo lo stilista Karl Lagerfeld è quanto è successo a lui. Il designer, in un’intervista rilasciata all’Independent ha dichiarato che Choupette – questo il nome della gattina che ormai convive con lui da un anno circa e da cui si separa raramente – è una piccola celebrità che ha superato in fama quella dello stesso Lagerfeld. Secondo il Kaiser, Choupette sarebbe addirittura diventata la gatta più famosa al mondo. Addirittura riceverebbe proposte di lavoro da parte di aziende produttrici di cibo per animali e simili. Lagerfeld non sarebbe il primo stilista pazzo d’amore per i suoi animali. In una scena diventata un must del film Valentino The Last Emperor, Garavani veniva ripreso in un momento di intimità serale con i suoi carlini. Lo stilista in prima persona lavava i denti ai suoi animali preferiti messi in fila in attesa del rito dell’igene dentale serale.

Fonte: VM-Mag

Categories: Gossip Tags: ,

Demi Moore, nuovo toy boy per la famosa celebrity

July 28, 2012 Leave a comment

La famosa attrice Demi Moore, afflitta e disperata per le tenere effusioni dell’ex marito Ashton Kutcher fotografato con Mila Kunis, è stata vista in compagnia dell’attore 37enne Martin Henderson in atteggiamenti di ripresa, immortalati in alcuni scatti pubblicati dalla rivista ‘Life & Style’, durante una breve vacanza insieme a New Preston nel Connecticut durante le quale sembrava felice, sana e in forma.

Categories: Gossip Tags: ,

Giorgio Armani, official uniforms for the Italian Olympic team

July 28, 2012 Leave a comment

This slideshow requires JavaScript.

Official Emporio Armani uniforms for the Italian Olympic team.
Giorgio Armani designed the official uniforms that the Italian Olympic team wore to the official opening ceremony on July 27th.
The men’s uniform includes a blue navy suit with soft two buttoned jacket  in cotton jersey, embroidered with the iconic Italian Olympic Committee logo in silver on the breast, teamed with classic trousers, a light blue cotton shirt and a regimental tie.  Additionally, the uniform also includes a packable single breast blue nylon rain jacket and lace-up suede wingtips in blues. All the garments have a label with the words to Fratelli d’Italia on the inside and detailing in the colours of the Italian flag.
The women’s uniforms, a softer version of the men’s uniform includes a blue navy outfit in jersey made up of a sporty two-buttoned jacket with the Italian Olympic Commitee logo embroidered in silver on the chest, matched with fluid  trousers featuring seams on the knees, a light blue cotton shirt and a scarf. These pieces are joined by an impeccable packable single-breasted blue nylon rain jacket, and a light blue pique polo shirt that is also embellished with the embroidered Italian Olympic Commitee logo. The streamlined shoes are wing-tip brogues in blue and light blue suede.  The Fratelli d’Italia label and detailing in the colours of the Italian flag along the inner edges add a discreet and patriotic touch.

Categories: Star Style Tags:

Cesare Casadei, décolleté vegane per Anne Hathaway nella presentazione del film “The Dark Knight Rises”

This slideshow requires JavaScript.

Essere vegetariana e una shoe addicted è difficile, difficilissimo, ve lo dice una che si sente in colpa ogni volta che acquista un paio di scarpe firmate, realizzate quindi (in parte o in tutto) in pelle. Le alternative in questo momento ci sono, ma sono poche, oltre che poco accattivanti e banali; se fossi una celeb la mia vita sarebbe sicuramente più semplice, ricordate che tempo fa Natalie Portman aveva convinto la maison Dior a creare per lei delle scarpe vegane, le stesse che l’attrice ha indossato nella pubblicità del profumo Miss Dior? Ne hanno parlato tutti, ma alla fine le decolletè non sono mai state messe in vendita.
E la stessa cosa è accaduta recentemente in casa Casadei: il brand ha realizzato una serie di decolletè vegan in satin per la splendida Anne Hathaway, che in questi giorni è impegnata nella presentazione del film “The Dark Knight Rises”, nel quale veste il ruolo di Catwoman.
Nella foto qui sotto Anne è sul red carpet di Londra e indossa un abito Gucci Resort 2013 molto particolare, che esalta i lineamenti perfetti del suo viso.
Ai piedi, ecco spuntare proprio le decolletè vegane Casadei, realizzate anche in versione gioiello.
I modelli sono piuttosto semplici, ma mi piace la punta affilata abbinata ad un tacco per niente eccessivo; il satin poi è una delizia. Anche in questo caso le scarpe sono state realizzate in esclusiva, e non verranno quindi vendute: io rimango fiduciosa, perché so che presto o tardi anche i grandi cederanno e si impegneranno a realizzare mini collezioni vegan dedicate a chi vuole rinunciare alla pelle ma non allo stile.

Fonte: Shoeplay

Tom Cruise, casa cercasi per il famoso attore a New York

July 26, 2012 Leave a comment

In seguito alla decisione  della ex moglie Katie Holmes di scegliere la Grande Mela come nuova residenza per se e la figlia, Tom Cruise cerca casa a New York in modo da poter trascorrere più tempo a Suri. Tom Cruise desidera un nuovo inizio, secondo una fonte del New York Post, e non vuole tornare  nell’East Village dove viveva con Katie, ma sta cercando qualcosa di intimo e riservato in modo da evitare fan e curiosi, ma di spazioso per dare alla figlia l’opportunità di potersi muovere anche in un ambiente esterno.

Categories: Gossip Tags: , ,

Britney Spears, total look John Richmond alla presentazione di X Factor

Sono molti i personaggi americani che non vestono propriamente bene e finirebbero di default nella rubrica di Giusi Ferré Buccia di Banana sul settimanale Io donna. Una di queste è Britney Spears. La cantante è una certezza: non azzecca mai un outfit. Usa spesso capi raffazzonati alla bene e meglio, colori disarmonici,  e accessori che c’entrano poco nel contesto. Di recente ha partecipato alla conferenza stampa per l’edizione americana di X Factor di cui è giurata e ha indossato un look total-black impreziosito da un bolero in pelle nera decorato con borchie della collezione John Richmond PE 2012. Anche la testimonial fa, comunque, la differenza. Gli stessi capi indossati da Olivia Palermo sarebbero valorizzati di più.

Fonte: VM-Mag

Intervista di Viviana Musumeci a Ivan Pericolini

Veitha è il nome di una delle principali divinità etrusche. Per questo motivo, per sottolineare una forte appartenenza territoriale, Ivan Pericolini ha deciso di utilizzare questo nome per dare vita al marchio di abbigliamento di lusso made in Umbria di cui è amministratore delegato. Ma la tradizione va di pari passo con la tecnologia, e grazie alla collaborazione con il partner Evofashion, società che gestisce lo shop on-line, il marchio è già online e questo è uno dei suoi atout, ma non il solo.

Viviana Musumeci ha intervistato Ivan Pericolini.

V.M.: Come è nato il progetto Veitha?

I.P.: Il nostro brand nasce nel cuore dell’Umbria come progetto caratterizzato dalla voglia di coniugare una lunga tradizione di manifattura del cashmere e di fibre nobilissime per la produzione di capi abbigliamento per i quali si possa parlare di eccellenza assoluta. Tutto è partito da una mia idea, poiché ho maturato un’esperienza ventennale nel campo del retail della moda. Alla fine di questa lunga attività, si è fatta strada la voglia di dar vita a qualcosa di nuovo che mettesse insieme elementi provenienti dal passato (questa lunga esperienza e conoscenza del settore della moda di alta gamma) con la forte capacità manifatturiera locale e una grossa apertura al mondo del web. Dopo aver coinvolto nell’iniziativa un mio amico di lunga data proveniente da una famiglia che da trenta anni lavora in ambito manifatturiero con il cashmere, il passo da questa idea all’approccio glocale dichiarato fin dall’inizio (veitha.com è glocal italian luxury) come valore fondante dell’intero progetto è stato piuttosto breve.

V.M.: Perché la scelta di vendere esclusivamente online?

I.P.: Il credo fondamentale è l’agire in modo glocale. A differenza di altri luxury brand, Veitha intende utilizzare il web come unico ed esclusivo canale di vendita perché in questo modo si riesce a portare direttamente al cliente l’eccellenza di cui Veitha vuole essere testimone. Il passaggio dal produttore al consumatore è immediato perché reso possibile dal web. L’intera filiera produttiva viene ridimensionata, determinando un significativo abbassamento dei prezzi di vendita. La rete di distribuzione, che comporta generalmente grossi investimenti, viene sostituita da un sito E-commerce ben strutturato e in questo modo il cliente paga essenzialmente la qualità che gli viene offerta. La vendita esclusivamente on-line risponde a questa ferma volontà di offrire un prodotto di altissima qualità ed estremamente ricercato nell’eccellenza della manifattura e delle materie prime facendo in modo che il prezzo non risenta di altri fattori tipicamente presenti nella distribuzione tradizionale. Il cliente va su http://www.veitha.com, sceglie il prodotto e lo riceve rapidamente a casa. Nessuna sovrastruttura, il massimo della semplicità.

V.M.: Quali sono le previsioni di crescita per quest’anno e per il prossimo?

I.P.: Per quanto riguarda numeri e previsioni del giro d’affari generato dal sito, è doveroso rimanere con i piedi per terra. Il progetto è partito da poco, ma i primi dati sono estremamente incoraggianti. La previsione di fatturato per i prossimi mesi si basa sulla convinzione di raggiungere una adeguata stabilità di vendita dopo i primi 6 mesi. Successivamente la previsione è di attestarsi su un fatturato medio pari a 45.000-50.000 euro mensili. Per il 2013 l’obiettivo è la vendita di circa venticinque capi al giorno pari ad un fatturato di circa 120.000/150.000 euro mensili. Inoltre, nei prossimi 12 mesi tutto il team di Veitha sarà concentrato sullo sviluppo dei mercati internazionali: primo step l’Europa con Germania, Uk e nord Europa, per poi approdare, alla fine del primo anno, negli Stati Uniti e nei mercati asiatici.

V.M.: Di quanto sarà abbattuto il prezzo di vendita dei prodotti sfruttando il canale ecommerce?

I.P.: Il prezzo medio dei prodotti 100% cashmere oscilla parte dai 300 euro. I prodotti paragonabili per qualità complessiva a quelli Veitha si posizionano nella fascia più alta, fino a 600 euro. Nel caso di Veitha, attualmente il prezzo medio è inferiore a 200 euro. Per gli accessori, le pashmine presenti sul sito hanno un costo di 250 euro contro un prezzo medio del mercato tradizionale di 350 euro. Nel caso delle polo in cotone sea-island, altra fibra pregiatissima che viene utilizzata nei prodotti Veitha, è già difficile trovare prodotti integralmente realizzati con questa variante di cotone. Quando si trovano, siamo sui 400 euro. Anche in questo caso, i prodotti Veitha non superano i 200 euro.

V.M.: Ci sono novità che potete anticipare?

I.P.: Le prossime novità saranno legate al lancio della collezione Autunno/Inverno. Manterremo il focus produttivo sulla lavorazione del cashmere, nostra originale passione. Continueremo a conservare un approccio fortemente legate a linee essenziali, offrendo ai nostri clienti una più ampia scelta di prodotti sempre di altissima qualità e ricercatezza. Oltre a questi, vorremmo proporre alcuni accessori che permettano di ampliare quella che potremmo definire l’esperienza del cashmere, con prodotti più particolari (in tal senso sono allo studio borse ma anche essenze per la casa).

Fonte: VM-Mag